The Camp of the Wayfarers in Love

Dalla Regione Puglia parte un progetto che ha radici nel tesoro culturale conservato nei musei pugliesi, i vari reperti, icone solide della Puglia.
Questo simbolismo verrà lavorato artisticamente da Tarshito e il suo staff, acquisendo un valore contemporaneo e diventerà una parte dipinta della tenda. Lo stesso concetto sarà espresso da un artista nella tradizione dello Stato dove Tarshito agirà, dando completezza alla tenda.
La Regione Puglia incontra altre le culture su un una base di simbolismo simile e specchiato. Connessioni tra tradizioni diverse con radici culturali simili.

“The Camp of the Wayfarers in Love”

“The Camp of the Wayfarers in Love” è una continuazione del progetto passato di Tarshito “The Path of the Wayfarer in love“. Una tela lunga di 10,8 metri, dipinta a Bari, Italia, da
Tarshito e il suo staff e completata da artisti tradizionali durante sette viaggi, in sette nazioni diverse. “The Camp of the Wayfarers in Love” è un progetto artistico collettivo in cui Tarshito viaggia in sette paesi del mondo per collaborare con artisti di culture diverse creando opere d’arte sotto forma di tende.

Una parte della tenda è dipinta da Tarshito e dalla sua squadra in Italia, dopo come una tartaruga che porta la sua casa sulla schiena, Tarshito viaggia con la tenda per incontrarsi e collaborare con persone di altre culture del mondo, viaggiando verso luoghi in cui un altro artista che incontra contribuirà all’altra metà della tenda, concludendo con una cerimonia di celebrazione spirituale, una mostra, un’offerta per il divino: l’unione tra le culture e un video produttore professionale raccoglie materiale video.

Capitolo 1 – Thailandia

La Thailandia è stata il primo passo del viaggio di Tarshito attraverso sette nazioni. (Settembre 2022). Nella prima fase del progetto, curata da Veronica Caciolli Tarshito ha collaborato con gli artisti Inson Wongsam di Lamphun e Rampad Kothkaew di Chaing Mai.

Rampad Kothkaew, Inson Wongsam, Veronica Caciolli e Tarshito.

L’opera è stata esposta a River City, Bangkok alla presenza dell’ambasciatore italiano in Thailandia Lorenzo Garanti.

Capitolo 2 – India

Il secondo capitolo del progetto, a Varanasi / Benares, la città sacra dove scorre il Gange, Qui Tarshito ha incontrato Bachchelal Prajapati , un artista di antica famiglia di tradizione pittorica.

Bachchelal ha completato la opere d’arte su una delle tende nomadi di Tarshito, sottolineando il nomade che tutti hanno naturalmente dentro.

Tarshito insieme a Bachchelal ha preso parte alla celebrazione del Aesthetic Panarama ad Assi Ghat, vicino a Ganga Mahal, che fa parte di un simposio internazionale sull’interpretazione visiva del linguaggio tradizionale curato dal dott. S.K. NAG, e hanno organizzato un discorso con l’artista vicino a Murmukska Bhavan, Assi Varanasi.

Una bellissima foto della cerimonia di Varanasi.

“Il viaggio ha come obiettivo la ricerca dell’anima, che può essere trovata sia ovunque e all’interno di tutti di noi”.

“The Camp of the Wayfarers in Love” continua, in India, Naya Village, West Bengal, con la famiglia Chitrakar, una famiglia di artisti cantastorie.

Qui Tarshito e la famiglia Chitrakar hanno dipinto la seconda tenda, con le tigri.

Fotografo – Prabir Jubin.
Fotografo – Prabir Jubin.

Il prossima tappa del progetto a Bhopal, con Venkat Raman Shing Shyam, pittore Gond Art.

La cerimonia di celebrazione si è svolta presso il stupefacente Taj Mahal Palace, Bhopal.

“The Camp of the Wayfarers in Love” – Bagh.

Qui Tarshito ha lavorato su un’altra tenda nel Madhya Pradesh. Questa volta con Kazim Khatri, maestro della tradizionale stampa a blocchi a Madya Pradesh, in India.

Kazim Khatri.
Mohd Kazeem Khatris Bagh Print Workshop, a Bagh.

“The Camp of the Wayfarers in Love”, finalizzato all’incontro artistico con custodi di tradizioni e valori ancestrali. Il fondamento di questa pratica artistica è lo studio e la conoscenza del simbolismo della Regione Puglia (Italia) e l’unione con i simboli culturali internazionali.
Le tende sono microcosmi e luoghi accoglienti dove le anime si incontrano per esprimere la loro spiritualità attraverso l’arte, luogo di custodia di ogni creatura, pratica, preghiera, atto di ospitalità radicale che diventa fonte di benedizione. La tenda è al di là di ogni religione e appartiene a tutte le culture per creare spazi sicuri per il discernimento, il dialogo, il riposo, lo studio e un rifugio che unisca tutti noi viandanti nell’amore.

“Con grande gratitudine per tutti i momenti incantevoli che la vita porta, il mio cuore è accarezzato dall’amore per le persone straordinarie che ho avuto l’opportunità di incontrare, sono aperto al miracolo di ciò che il futuro vede…” – Tarshito

Altri 5 paesi saranno visitati da Tarshito fino alla metà del 2024.

Translate »